Connect with us

Premi e Concorsi

I finalisti del Premio Mario Rigoni Stern per la letteratura multilingue delle Alpi

Published

on

La giuria del Premio intitolato al grande scrittore di Asiago ha selezionato la shortlist dei romanzi e saggi candidati alla vittoria dell’edizione 2017. In tutto 10 opere all’interno delle quali si ritrovano molti temi e molti volti delle Alpi. Accanto al riconoscimento tradizionale il Premio vede quest’anno anche l’inaugurazione di una nuova sezione “Il Guardiano dell’Arca”.

Sono dieci le opere entrate nella shortlist della settima edizione del premio Mario Rigoni Stern per la letteratura multilingue delle Alpi e che si giocheranno la vittoria dell’edizione 2017. Come sempre il premio tiene conto sia della produzione letteraria sia di quella saggistica con uno sguardo anche ai libri giunti da altre lingue in rappresentanza per l’appunto dell’universo culturalmente e linguisticamente composito dell’arco alpino.

Ecco dunque titoli e autori selezionati proposti rigorosamente in ordine alfabetico (per titolo). I complimenti e le felicitazioni a tutti i finalisti e un ringraziamento a tutti i partecipanti dal Premio Mario Rigoni Stern.

La giuria del premio Mario Rigoni Stern per la letteratura multilingue delle Alpi è composta da personalità di spicco del mondo culturale italiano.

llvo Diamanti, professore di Scienza Politica all’università di Urbino e di “Régimes Politiques Comparées” nel master Etudes Politiques all’Università Parigi II, pubblicista e autore di numerosi saggi politici.

Paola Maria Filippi, docente di letteratura tedesca e traduzione letteraria presso l’Università di Bologna, responsabile scientifico della Österreich Bibliothek / Centro LAI di Trento, membro, fra le altre, dell’Accademia Roveretana degli Agiati e di Villa Vigoni, traduttrice letteraria e saggista.

Mario Isnenghi, già direttore del Dipartimento di Studi Storici e professore di Storia Contemporanea presso l’università di Venezia, autore di numerosi articoli e saggi in particolare sulla Grande Guerra.

Daniele Jalla, storico di formazione, funzionario e dirigente della Regione Piemonte dal 1980 al 1994, dal 1994 al 2012 ha diretto i Musei civici e i servizi museali della Città di Torino. Già presidente di ICOM Italia, è stato membro del Consiglio superiore dei beni culturali e docente a contratto di museologia presso diversi Atenei. Nella sua attività di ricerca si è interessato in particolare di storia orale, di storia della deportazione, di museologia e museografia, di Alpi e di storia valdese. Sull’insieme di questi argomenti ha pubblicato tra saggi, articoli e volumi più di 150 titoli.

Paolo Rumiz, scrittore, giornalista e inviato in zone di guerra, vincitore di numerosi premi per i suoi reportage.
Il coordinamento della giuria è affidato a Margherita Detomas.

Tra breve la giuria deciderĂ  l’opera vincitrice dell’edizione 2017 che sarĂ  comunicata pubblicamente la prossima settimana mentre il Premio verrĂ  ufficialmente consegnato nella cerimonia di premiazione il 17 giugno 2017 a Venezia.
Il “Premio Mario Rigoni Stern” è fissato per il 2017 in 10.000 (diecimila) € che, a giudizio della giuria potrà essere assegnato alla miglior opera di narrativa, al miglior saggio o diviso equamente fra le due sezioni che lo caratterizzano.

Il Premio Mario Rigoni Stern si arricchisce quest’anno anche di una nuova sezione “Il Guardiano dell’Arca”, un riconoscimento a una persona che si è distinta per la sua vita e per l’attivitĂ  a difesa del paesaggio, del territorio e delle radici. La cerimonia di consegna dei questo premio avverrĂ  sempre il 17 giugno a Venezia e sarĂ  ripetuta l’indomani ad Asiago.

Mario Rigoni Stern è stato uno degli scrittori piĂą significativi del secondo dopoguerra ed ha portato nella sua scrittura non solo le vicende e i vissuti di una generazione che ha sperimentato il dramma della Seconda guerra mondiale e della ritirata di Russia ma anche una visione del mondo particolarissima che attinge a profonde radici di umanitĂ , a un rapporto strettissimo con la natura e a una visione positiva dell’essere umano. Tra le sue opere piĂą note si ricorda Storia di Tönle, Il sergente nella neve, L’anno della vittoria, Le stagioni di Giacomo, Arboreto salvativo, Stagioni.

Scrive Eraldo Affinati nella prefazione del volume dedicato a Stern nei Meridiani Mondadori: “Stando insieme a lui ho appreso una distinzione ulteriore: quella che separa il narratore della tradizione orale da colui che scrive. Il primo, accalorato davanti a un gruppo di persone vicino al fuoco, improvvisa ogni volta il racconto; il secondo si preoccupa di come verranno interpretate le sue parole fissate per sempre, ha le orecchie alzate, al pari del segugio. Riconosco nell’attenzione di Rigoni nei confronti del suo interlocutore l’essenza stessa della letteratura: la disposizione a sforbiciare ogni ramo superfluo pur di restituire il senso pieno di ciò che è stato fatto e detto”.

Il premio si svolge in due ambiti: la Regione Veneto e la Provincia di Trento. Proprio a Venezia in Veneto avverrĂ  la cerimonia di premiazione dell’edizione 2017.

Numerosi gli Enti e le Associazioni che sostengono l’iniziativa: Regione Veneto, Comune di Asiago, Provincia autonoma di Trento, Comune di Riva del Garda, oltre a Cassa di Risparmio del Veneto, Banca di Trento e Bolzano, Riva del Garda Fiere e Congressi, il circolo Ars Venandi e la federazione italiana della caccia, il Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina.

Per info: www.premiomariorigonistern.it

oppure mandare una email a:  premiostern@gmail.com

Continue Reading
Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Copyright © 2020 Leggere:tutti