Connect with us

Giropoetando

Guarda che luna. Sonetto caudato di Nicola Zitelli

Published

on

Questo  sonetto caudato di Nicola Zitelli ci è stato segnalato dalla  nostra collaboratrice Fiorella Cappelli,  che fa parte del Centro Romanesco Trilussa, come l’autore, e che ringraziamo per la segnalazione.
Di seguito è riportata una piccola legenda per la traduzione delle parole in dialetto più inusuete.

La luna piena, in celo, s’è acchittata 1)
co ‘na scialletta scicche, strapuntata
da un fottìo de brocchette de stagnola
e, a guardalla, te smorza ogni parola;2)
blasonata matrona artolocata,3)
che se spupazza immezzo a ‘na cascata
de mijara de stelle de scajola,4)
impilottate ne la capicciola.5)
Ma, co la prima luce matutina,
‘sta meravìja pare stramutata
in un cerchio de carta canepina 6)
o arissomìja, guasi, a un palloncino,
sbruffato a sguazzo co la porporina,7)
volato da le mano a un regazzino,
mentre a un pòro gattino
che gnàvola, perché la fame sbatte,
je pare ‘na gran chìcchera de latte.

Nicola Zitelli

1 -…acchittata: vestita in modo elegante.
2 -…smorza: spegne, tronca.
3 -…artolocata: gioco di parole, alto-locata solo perché è in cielo.
4 -…scajola: di scagliola, come schegge luminose e irregolari.
5 -…impilottate ne la capicciola: inserite in un raffinato tessuto di seta.
6 -…carta canepina: carta ottenuta con cascami di canapa.
7 -…sbruffato, a sguazzo: schizzato a tempera.

Continue Reading
Click to comment

Notice: Undefined variable: user_ID in /home/kimjcgib/public_html/wp-content/themes/zox-news-childfemms/comments.php on line 49

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Copyright © 2020 Leggere:tutti