Connect with us

L'angolo della Poesia

“Giropoetando” nel web. Omaggio alla memoria del poeta Giuseppe Caporuscio

Published

on

Un omaggio alla memoria di un grande amante della romanità scomparso da poco: l’amico e poeta Giuseppe Caporuscio con questi due suoi sonetti, molto commoventi, in dialetto romanesco.

Poesie scelte dalla nostra collaboratrice e ideatrice di Giropoetando Fiorella Cappelli

 

SOLITUDINE

Quanno fa sera, sale un groppo in gola

e un senso d’abbandono, prepotente

t’artija er core e stritola ‘na mente

che ormai da troppo tempo, più nun vola.

Cerchi conforto ma nun trovi gnente;

si vòi risposte, manco ‘na parola,

tu piagni ma nesuno te consola,

mai ‘na carezza a st’anima dolente.

Slonghi ‘na mano e cerchi drent’ar letto,

ma er vòto ch’ha lassato quell’addio

è un’onna scura che t’allaga er petto.

Ma devi sopravvive a sti momenti;

t’abbraccichi da solo e preghi Dio

che de sicuro c’è ma nù lo senti.

 

Giuseppe Caporuscio

 

——-

ER TEATRO DE LA VITA

È come un parcoscenico, sta vita!

Un atto solo e li protagonisti

fanno da loro stessi li reggisti

de ‘na commedia a braccio ch’è infinita.

Ce só istrioni, guitti e pòri Cristi,

chi va pe scesa  e chi va pe salita:

o attori che có appena ‘na sortita

s’illudeno de esse granni artisti.

Có monologhi carichi de boria

s’atteggeno a Dio Padre Onnipotente !

Ma quarche scena, appena, nun fà storia.

Così, doppo avé detto poco o gnente,

comparse o poco più ma senza gloria,

lassano er posto all’urtimo esordiente !

 

Giuseppe Caporuscio

Continue Reading
Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Copyright © 2020 Leggere:tutti